Gattinara e dintorni | giovedì 19 gennaio 2017 05:30

Che tempo fa

Newsletter

Iscrivendomi acconsento al trattamento dei dati personali secondo le norme vigenti.

Cerca nel web

Gattinara e dintorni | lunedì 19 dicembre 2016, 11:39

Lozzolo: Riassunto della conferenza dei servizi

Il progetto di rinnovo della concessione mineraria e della realizzazione di una nuova discarica nello stesso sito sono stati ufficialmente ritirati dalle ditte proponenti. Venerdi 16 dicembre, all’apertura della prima conferenza dei servizi presso la Regione Piemonte, le ditte hanno ritirato i progetti presentati il 22 settembre. Si chiude così una pagina di storia lozzolese che ha suscitato anche l’interesse e la mobilitazione dei territori dell’Alto Piemonte.

La salvaguardia del territorio ha prevalso sugli interessi privati e questo è motivo di grande soddisfazione. Si ringraziano tutte le persone, di Lozzolo e non, che hanno partecipato, contribuito e condiviso, in modo attivo e propositivo ad un percorso che è durato poco più di due mesi.

Colgo l'occasione per sottolineare l'auspicio che riportammo nella delibera di consiglio comunale n. 53 del 28 novembre:

- questo avvenimento possa essere da stimolo per costituire un gruppo di lavoro che porti a un recupero delle radici storiche agricole e la valorizzazione del territorio lozzolese dal punto di vista agricolo ed enogastronomico, con positive ricadute ecologiche, ambientali e socio-economiche;

- accresca la consapevolezza in ogni singolo individuo, che è doveroso impegnarsi nell’attuare buone pratiche utili a ridurre la produzione di rifiuti destinati al ciclo della gestione dei rifiuti, in modo da ridurre alla fonte il bisogno di discariche o inceneritori.

L’Amministrazione è contenta del risultato ottenuto soprattutto per le giovani generazioni e per quelle future perché non gli consegneremo un eredità pesante come quella di una discarica che sarebbe rimasta per sempre.

c.s. Roberto Sella

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore