CRONACA | mercoledì 23 agosto 2017 17:28

Che tempo fa

Cerca nel web

CRONACA | venerdì 16 giugno 2017, 09:35

Così la droga viaggiava dall'Albania a Gattinara VIDEO

Condanna a 5 anni per il pilota dell'ultraleggero che trasportava marijuana per rifornire il mercato di mezzo Piemonte

Trasportava ingenti partite di droga dall'Albania in Italia con il suo ultraleggero, facendo base in un campio di volo a Gattinara. Da qui la marijuana veniva consegnata a un soldalizio formato da italo - albanesi che si occupavano di spacciarlo sulle piazze di Torino e nella zona dei laghi.

Pasquale D’Ambrosio, 60 anni, noto ristoratore e gestore del lido La Noce di Angera, è stato condannato dal Tribunale di Torino a 5 anni per traffico internazionale di stupefacenti.

La condanna si riferisce allo specifico episodio avvennuto a giugno 2015 per il quale l'uomo fu arrestato nel settembre dello stesso anno dalla squadra mobile di Torino, insieme ad altre persone che avrebbero fatto parte del sodalizio criminale. Secondo quanto è stato ricostruito nel corso del processo, il 4 giugno 2015 D'Ambrosio era partito con il suo aereo alla volta di Torre Sant'Andrea, in provincia di Lecce, per arrivare poi in Albania e ricevere 76 chilogrammi di marijuana da traportare in Italia nascosti all'interno ultraleggero.

L'uomo era atterrato a Gattinara dove il carico era stato preso in consegna da Rosario Campisi e dagli albanesi Maksim Llanaj e Gezim Boraka che poi si sarebbero occupati di spacciare la droga. Il viaggio costava circa 500 euro ma, secondo le stime degli investigatori, la marijuana trasportata poteva essere venduta per 250 mila euro.

Nel settembre dello stesso anno era in programma un nuovo volo di rifornimento, ma, all'atterraggio, D'Ambrosio trovò gli uomini della Mobile di Torino.

D’Ambrosio è stato assolto da altri due capi di imputazione relativi ad altre due presunte consegne e dall’accusa di essere parte di un’associazione a delinquere.

Dal nostro corrispondente di Vercelli

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore