Gattinara e dintorni | mercoledì 12 dicembre 2018 20:22

Che tempo fa

Cerca nel web

Gattinara e dintorni | martedì 09 gennaio 2018, 10:44

Stanziato un contributo a favore del Comune di Lozzolo

Stanziato un contributo a favore del Comune di Lozzolo

La Regione Piemonte ha stanziato un contributo di 9.354 € a favore del Comune di Lozzolo per le operazioni raccolta, trasporto e smaltimento di manufatti contenenti amianto. “Siamo sempre stati attenti a bandi o proposte sovracomunali utili per la sostituzione di manufatti in amianto. E’ arrivata una buona notizia ed è il risultato di un lavoro iniziato anni fa che permetterà di migliorare la qualità di vita a Lozzolo. Ora saremo accorti nello svolgere i passi successivi. Innanzi tutto contatteremo i privati che avevano riposto al sondaggio, segnalando il possesso di manufatti in amianto”.

Già nel 2012 l’Amministrazione svolse un censimento con l’ottica di capire la reale presenza sul territorio di manufatti contenenti amianto e successivamente, in collaborazione con Legambiente, creò un iniziativa per attivare la rimozione e lo smaltimento dei manufatti. Nel gennaio 2016 la Regione Piemonte pubblicò un bando per l’attribuzione di contributi ai Comuni per il servizio di raccolta, trasporto e smaltimento di piccoli quantitativi di rifiuti contenenti amianto ed il Comune di Lozzolo decise di cogliere l’occasione e presentò la propria candidatura al bando. Il termine ultimo per parteciparvi fu stabilito per il giorno 29 febbraio 2016 e l’Amministrazione, al fine di capire se fosse realmente utile partecipare al bando in modo che si potesse offrire un servizio alla popolazione ed evitare di impegnare gli uffici comunali a produrre inutilmente documenti, sprecando così tempo e risorse, svolse un sondaggio per capire se e quanto amianto fosse presente sul territorio comunale.

Dall’indagine emerse che a Lozzolo sono ancora presenti 210 kg di manufatti quali per esempio tubi o vasche ed è marcata la presenza di lastre utilizzate sulle coperture per una superficie di 850 metri quadrati. Il totale corrisponde a circa 13.810 kg di amianto in “piccole quantità” ossia strutture o manufatti fino a 40m² o 450 kg.

L’Amministrazione presentò la richiesta di contributo di 12.680 €, a carico della Regione per il 90% e la restante parte a carico del Comune oltre all’IVA. Quindi il cittadino non avrebbe dovuto sborsare nessuna somma salvo per la fase di rimozione del manufatto, se necessario, in quanto non previsto nel bando.

La Regione Piemonte in data 30 maggio 2016 ha pubblicò una prima graduatoria che assegnava i contributi nella quale purtroppo Lozzolo non ne fece parte. Nuove risorse stanziate per gli anni 2017 e 2018 ha permesso di scorrere la graduatoria, approvata nel 2016, coprendo tutte le richieste di contributo.

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore