AL DIRETTORE | giovedì 21 marzo 2019 12:32

Che tempo fa

Cerca nel web

AL DIRETTORE | 23 febbraio 2019, 11:38

Prato Sesia, da area boschiva a coltivata. Un lettore: "Rispetto ambiente e tutela prodotti"

Prato Sesia, da area boschiva a coltivata. Un lettore: "Rispetto ambiente e tutela prodotti"

Riceviamo e pubblichiamo:

"In questi giorni è in esame presso il Comune di Prato Sesia un intervento di trasformazione di un'area boscata da 21 ettari nelle vicinanze del castello di Sopramonte. Il progetto prevede la realizzazione di un noccioleto da 15,7 ettari, suddivisi in 9 lotti, di un vigneto (3 h circa) e di un'area destinata a coltivare piccoli frutti.

L'operazione rischia di avere un forte impatto ambientale sul territorio comunale, considerato che al momento non si tratta di coltivazione biologica, nonostante sia a ridosso del corridoio ecologico fra il Monte Fenera e il parco delle Baragge. La realizzazione richiede, almeno sulla carta, ben 240 giorni di lavoro e un cantiere composto da 5/6 persone, numerosi mezzi meccanici (escavatore a cingoli, gru forestali, ma rimorchio dumper e autocarri) con l'incarico di disboscare, movimentare terra, ricreare pendenze, (28.000 metri cubi di terreno da scavare e riportare, con un'aggiunta di 259 mq nuovi), impiantare i noccioli (400 per ettaro, per un totale di più di 6000 elementi). Si prevede la realizzazione di un bacino di raccolta delle acque, un "laghetto" di 12 metri di lunghezza, con una profondità di tre metri.

Ci si augura che le autorità comunali prendano in seria considerazione i rischi che un'area così vasta coltivata con concimi chimici e prodotti per disinfestazioni (i noccioli sono esposti ad aggressioni di insetti, in particolare delle cimici) possa avere circa l'inquinamento delle falde acquifere e l'ecosistema in generale. E' importante evidenziare che in questi mesi si sta delineando in diverse regioni d'Italia (Lazio, Toscana, Umbria) e del Piemonte (Langhe) una problematica "noccioli": la monocoltura sembra andare molto di moda per favorire la produzione industriale dolciaria,anziché quella di qualità, sostenibile per l'ambiente. Così si rischia di svilire le qualità stesse della nocciola, frutto molto ricco di elementi nutritivi preziosi. La riqualificazione del territorio passa necessariamente per un uso rispettoso, consapevole dell'ambiente e per la tutela di prodotti di eccellenza".

Lettera firmata

Ti potrebbero interessare anche:

In Breve

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore