ATTUALITÀ | giovedì 21 marzo 2019 13:06

Che tempo fa

Cerca nel web

ATTUALITÀ | 08 marzo 2019, 10:26

Tav, Pichetto (FI): “Si dia piena attuazione a corridoio Lisbona-Kiev”

Tav, Pichetto (FI): “Si dia piena attuazione a corridoio Lisbona-Kiev”

"La nostra mozione è finalizzata a dare piena attuazione all'accordo sul Corridoio europeo 5 che parte da Lisbona, attraversa la Spagna, l'Italia, la Francia e arriva a Kiev e nel futuro anche a Pechino". Lo ha detto nell'Aula di Palazzo Madama il senatore di Forza Italia Gilberto Pichetto, illustrando la mozione pro Tav di Forza Italia.

"A molti oggi sfugge - ha spiegato Pichetto - che la Germania negli anni Novanta, prima della decisione europea di realizzare i grandi Assi Nord-Sud, Est-Ovest, voleva progettare il Corridoio 5 passando da Vienna-Monaco, Ginevra, Lione, tagliando fuori l'Italia. Una grande battaglia vinta grazie all'intuito unitario destra-sinistra portò all'attuale grande progetto, di cui la Torino-Lione è una piccola tratta ma decisiva per evitare che l'Italia restasse esclusa dai grandi interscambi commerciali, che al momento sono di almeno 170 miliardi. Ecco perché noi di Forza Italia - ha osservato - che abbiamo creduto e crediamo fortemente in questo grande progetto europeo, restiamo stupiti dalle discussioni di questi mesi che rischiano di far perdere credibilità all'Italia oltre a procurare un danno economico e occupazionale che graverebbero tutti sulle generazioni giovani.

La Tav è e resta un'insostituibile possibilità di futuro come fu il traforo del Frejus per intuito di Cavour e anch'egli, va ricordato dovette superare e superò resistenze che si sono rivelate sbagliate perchè da quell'opera determinò effetti molto positivi. Gran parte del boom economico italiano dei decenni successivi fu dovuto al Frejus. Ora - ha concluso - dobbiamo andare avanti e non possiamo bloccare un'opera così strategica e essenziale".

Comunicato Stampa - bb

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore