EVENTI | mercoledì 16 ottobre 2019 12:22

EVENTI | 12 luglio 2019, 16:35

Roberto Maroni a Varallo: presenta "Per una politica della concretezza"

Appuntamento in biblioteca dopo l'inaugurazione dell'Alpàa

Roberto Maroni a Varallo: presenta "Per una politica della concretezza"

Venerdì 12 luglio, nella Sala conferenze della Biblioteca Civica “Farinone-Centa”, dopo l’inaugurazione ufficiale dell’Alpàa e il taglio del nastro della mostra dedicata ai 155 anni della Croce Rossa, alle ore 19.30, Roberto Maroni presenterà il suo ultimo libro: “Il rito ambrosiano. Per una politica della concretezza”, dialogando con Piera Mazzone, direttore della Biblioteca.

Roberto Maroni, già ministro del Lavoro e dell’Interno, oltre che Governatore della Lombardia dal 2013 al 2018, è soprattutto “milanista d’indole”. “La differenza tra Roma e Milano, tra rito romano e rito ambrosiano, sta tutta qua. Il primo è liturgia, lentezza, procedure. Il secondo concretezza, rapidità, efficienza”: questa affermazione, volutamente forte, da Maroni è stata maturata durante la sua esperienza politica e sarà ampiamente spiegata a Varallo, dove l’Amministrazione Comunale cerca di gestire la cosa pubblica in modo trasparente e corretto, cercando di migliorare la qualità della vita dei cittadini, indipendentemente dal credo politico. 

La scelta della Biblioteca per presentare questo libro è stata naturale: Varallo possiede una Biblioteca con oltre 120mila volumi, con una sezione importante di incunaboli, cinquecentine e libri antichi, un patrimonio librario, amato, custodito come un bene prezioso, presidio contro quell’inverno dello spirito paventato da Marguerite Yourcenar. Questo antico Palazzo ha ancora tante storie da raccontare agli uomini del presente: talvolta la sua voce si fa sottile, quasi carsica, ma non si spegne nel silenzio che la amplifica. La Biblioteca cerca di porsi come istituzione culturale a 360°, forte della sua lunga storia e della fiducia riposta dai molti donatori che nel corso degli anni ne hanno arricchito qualitativamente e quantitativamente le collezioni, quindi partecipa attivamente alla vita culturale varallese e all’Alpàa, certamente la manifestazione annuale che richiama più pubblico, collaborando con altri Enti, Istituzioni, Associazioni: unica strada possibile per poter attingere a risultati significativi. 

Dal nostro corrispondente di Vercelli

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore