ATTUALITÀ | domenica 20 ottobre 2019 15:37

ATTUALITÀ | 09 ottobre 2019, 09:00

Volontariato e promozione sociale: 100 mila euro a Villa Rolandi di Quarona

Dalla Regione finanziati progetti per oltre 1 milione e 900mila euro. Caucino: "Il terzo settore deve proseguire nella sua opera di sostegno alle fasce deboli"

Volontariato e promozione sociale: 100 mila euro a Villa Rolandi di Quarona

Ammontano complessivamente a 1.992.640 euro le risorse stanziate dalla Regione Piemonte per finanziare i progetti presentati dalle organizzazioni volontariato e dalle associazioni di promozione sociale piemontesi, in risposta all'apposito bando emanato per l'anno 2019.

La graduatoria approvata nei giorni scorsi prevede il finanziamento di 82 progetti (60 provenienti da organizzazioni di volontariato e 22 da associazioni di promozione sociale), pervenuti al settore "Politiche per le famiglie, minori, giovani e sostegno alle fragilità sociali" della Direzione Coesione Sociale della Regione Piemonte e risultati in linea con i requisiti richiesti. Tra questi anche il progetto di Villa Rolandi a Quarona, "I dettagli fanno la differenza – Laboratori per l’inclusione sociale e lavorativa di soggetti fragili", che si è aggiudicato l’intero importo del finanziamento richiesto: 100mila euro.

I progetti, finanziati attingendo alle risorse del Fondo nazionale per il Terzo Settore, hanno rilevanza locale e interessano tutte le province piemontesi. "Il terzo settore deve proseguire nella sua opera di sostegno alle fasce deboli - dichiara l'assessore regionale alle Politiche Sociali, Chiara Caucino - garantendo quegli interventi sussidiari che il sistema dei servizi pubblici non riesce a fornire. Con questi finanziamenti si sostengono progetti in piena linea con le azioni dei programmi regionali d'intervento, privilegiando quelli che permettono una loro replicabilità e sostenibilità negli anni futuri".

"Andremo poi sui territori - prosegue Caucino - per confrontarci con gli enti del terzo settore e per verificare concretamente gli interventi realizzati; solo così riusciremo a capire come riorientare la nuova stagione di programmazione per il 2020".

Redazione a.z.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore