/ ATTUALITÀ

ATTUALITÀ | 02 febbraio 2024, 17:42

Comune di Lozzolo: a febbraio sarà possibile cambiare destinazione al proprio terreno

“In questo modo non si vuole aumentare il consumo di suolo, ma rendere efficiente lo strumento urbanistico e soddisfare i reali bisogni della cittadinanza”.

Comune di Lozzolo: a febbraio sarà possibile cambiare destinazione al proprio terreno.

Comune di Lozzolo: a febbraio sarà possibile cambiare destinazione al proprio terreno.

Tra la fine del 2021 e l’inizio del 2022 l’Amministrazione comunale appena insediata intense ascoltare le volontà dei cittadini per eventuali nuovi bisogni di costruire o di non costruire più. Si fece dunque fare una ricognizione delle volontà per capire se ci fosse l’esigenza di cambiare la destinazione dei terreni nel Piano Regolatore Comunale, per costruire nuove abitazioni o togliere l’edificabilità ad altri terreni se ormai non si intenda più costruire una casa.

Il piano regolatore vigente è stato approvato nel 2014 dopo un iter burocratico iniziato nel 2008. “C’era il proposito capire se i privati cittadini avessero nuove esigenze dopo tante - commenta l’Assessore all’urbanistica Zappaterra Alberto, - e dopo le manifestazioni di interesse e la disamina di tutte le proposte, si è affidato l’incarico per procedere nelle modifiche ritenute giustificate”.

Lo scopo è quello di non aumentare la superficie edificabile già disponibile, ma effettuare solo degli spostamenti, per dare quindi la possibilità di costruire sottraendola a chi invece non ha più intenzione di farlo. “In questo modo non si vuole aumentare il consumo di suolo, ma rendere efficiente lo strumento urbanistico e soddisfare i reali bisogni della cittadinanza” commenta il sindaco Sella Roberto.

Sarà possibile ancora segnalare l’intenzione di cambiare la destinazione del proprio terreno, per tutto il mese di febbraio, dopo di che l’architetto incaricato di svolgere la variante semplificata al P.R.G.C. inizierà a redigere tutta la documentazione, tra cui la Valutazione Ambientale Strategica, necessaria all’adeguamento alla normativa vigente.

I tempi non saranno brevi dato che si dovrà ottenere il parere positivo di diversi enti tra cui la Provincia di Vercelli, ARPA e Soprintendenza delle Belle Arti.

“Questa ricognizione interesserà solo l’ambito residenziale, artigianale-produttivo e non il comparto delle miniere la quale sottende ad un’altra procedura normativa. L’intento è di dare risposte alle nuove esigenze della popolazione” Conclude il Sindaco.

C.S. Comune di Lozzolo, G. Ch.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore