/ ATTUALITÀ

ATTUALITÀ | 28 gennaio 2021, 10:30

Crevola - Doccio: la strada distrutta dall'alluvione sarà riaperta entro l'estate

Lavori in corso per la messa in sicurezza della massicciata spazzata via dalla piena

Crevola - Doccio: la strada distrutta dall'alluvione sarà riaperta entro l'estate

Si concluderanno la prossima estate i lavori di ripristino della viabilità tra Varallo e Quarona, lungo la provinciale 105 spazzata via dall'alluvione dello scorso ottobre. Un disastro che costò la vita al quaronese Samuel Pregnolato, la cui auto venne inghiottita dal baratro che si era aperto sulla massicciata, e che causò l'interruzione dei collegamenti tra le frazioni di Crevola (Varallo) e Doccio (Quarona).

A distanza di quattro mesi da quei drammatici momenti, la Provincia sta continuando a portare avanti gli interventi di ripristino urgente del tratto stradale. «L'interruzione non arreca problemi di isolamento ad abitazioni o conurbazioni - spiega in una nota il vice presidente della Provincia, Pier Mauro Andorno, delegato alla Viabilità -, ma crea molti disagi nei collegamenti collaterali tra i Comuni di Varallo e Quarona».

Dopo le opere di pulizia e ripristino della massicciata di tracciato si sta procedendo con il consolidamento del versante fluviale, per continuare con la bitumatura del fondo, il successivo tappeto d'usura, il completamento delle opere a monte, la segnaletica orizzontale e verticale.

«Il tratto di strada - prosegue Andorno - verrà ripristinato e riaperto per la prossima estate. Siamo consapevoli dei disagi protratti per cui ci scusiamo, ma le diverse priorità date ai danni sulla viabilità strategica non ha permesso di iniziare prima le opere di ripristino su questo tratto. Con l'impegno di tutti, dai nostri tecnici alla ditta appaltante unita alla grande passione e dedizione del presidente Eraldo Botta che ringrazio, cercheremo di comprimere quanto maggiormente possibile i tempi di realizzazione».

Dal nostro corrispondente di Vercelli - bi.me.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore