/ ATTUALITÀ

ATTUALITÀ | 10 maggio 2021, 11:51

Lavori alla Fabbrica della Ruota, riposizionata la turbina Riva FOTO

Lavori alla Fabbrica della Ruota, riposizionata la turbina Riva FOTO

Sabato mattina il DocBi ha conseguito alla Fabbrica della Ruota di Pray un altro piccolo ma importante obiettivo: il riposizionamento della turbina Riva modello Francis del 1926 e degli annessi regolatori di portata e di velocità che erano stati asportati dalla torretta nei primi anni Ottanta del Novecento. Donati all’associazione da Giovanni Toscanini un paio di anni fa, dopo essere stati ripuliti, restaurati e riverniciati dai volontari DocBi ora sono di nuovo al loro posto, unitamente alla grande puleggia a raggi per cinghie piatte in acciaio, del diametro di m 2,70, realizzata ex novo da Gianpaolo Cortese.

Il locale turbina, rimasto abbandonato e desolatamente vuoto per tanti anni, ora inizia a rivivere grazie al ritorno dall’esilio dei macchinari e al recupero delle murature e del camminamento per raggiungerlo. Su un tratto di quest’ultimo è stata infatti sistemata una passerella in acciaio costruita dalla Tecnalluminio di Pratrivero per agevolare e rendere più sicuro il percorso che collega la fabbrica con il locale centralina, nella prospettiva di consentire al visitatore (in particolare alle scolaresche) di esplorare da vicino tutti gli elementi costituenti il complesso sistema teledinamico: il canale di derivazione dell’acqua, la vasca di carico, la condotta forzata e il locale turbina con i suoi meccanismi al completo.

Un passo alla volta, grazie all’opera entusiasta dei volontari Bruno Cremona, Alfonso Oitana, Angelo Foglio, Gianpaolo Cortese, Ruggero Coltro (anche nelle vesti di reporter ufficiale con la sua telecamera) e del pool dei progettisti composto da Giovanni Vachino, Luciana Lachi, Domenico Ubertalli, Cristina Bernardi, Daniela Dellavalle, prende corpo il progetto di ripristinare integralmente quello che resta l’elemento distintivo e caratterizzante la fabbrica, ovvero il sistema teledinamico che ha permesso la meccanizzazione dei processi produttivi. Dopo l’emozionante mattinata e il successivo pomeriggio di rilievi e confronti tra volontari e tecnici su come procedere nella progettazione operativa, la convinzione di poter tornare a vedere scorrere l’acqua nel canale, girare la turbina e con essa pulegge, alberi, cinghie e grandi ruote esterne della fabbrica, ovviamente a fini esclusivamente didattici e dimostrativi, è cresciuta ancor di più.

“Per portare a termine l’ambizioso progetto occorrerà trovare dei consistenti finanziamenti, pubblici o privati, che permettano, unitamente all’impegno dei volontari, di affrontare le ingenti spese previste, ma anche la fiducia è cresciuta, perché la giornata ha rappresentato davvero un bel lavoro di squadra in cui tutti hanno dato una mano in maniera collaborativa e disinteressata – spiegano dal DocBi - Il nostro ringraziamento più sentito va al sindaco Gian Matteo Passuello e all’amministrazione del comune di Pray, al gruppo degli Alpini di Pray, resisi disponibili per il controllo del traffico, e in modo particolare a Mauro Valloggia che ha messo a disposizione gratuitamente il camion gru e la sua opera per l’intera mattinata, condividendo appieno lo spirito e l’azione della nostra associazione”.

Redazione g. c.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore