/ ATTUALITÀ

ATTUALITÀ | 06 gennaio 2022, 10:01

Covid, obbligo vaccinale per gli over 50, Green Pass base per negozi e servizi

Il testo è stato approvato all'unanimità. L'obbligo riguarda chiunque compia 50 anni entro il 15/06/2022

Covid, obbligo vaccinale per gli over 50, Green Pass base per negozi e servizi

Covid, obbligo vaccinale per gli over 50, Green Pass base per negozi e servizi

C'è il via libera all'unanimità al nuovo decreto legge Covid. Tra le novità ci sono l'obbligo vaccinale per tutti gli over 50 residenti in Italia, che se lavoratori dovranno anche presentare la certificazione verde rafforzata al lavoro, l'invito all'utilizzo dello smart working, le scuole saranno riaperte regolarmente con novità per le quarantene e l'estensione del green pass per determinati servizi.

In particolare, l'obbligo vaccinale agli over 50 vale "fino al 15 giugno". Sono esentati i casi di "accertato pericolo per la salute, in relazione a specifiche condizioni cliniche documentate, attestate dal medico". Sui 100 euro la sanzione amministrativa per gli over 50 che non si vaccineranno. Secondo il nuovo decreto Covid, dal 15 febbraio l'obbligo di Super green pass, che si può ottenere solo con la vaccinazione o con la guarigione, sarà esteso per gli over 50 anche su tutti i luoghi di lavoro pubblici e privati. Per gli over 50 non in regola niente stipendio ma conservazione del posto di lavoro. Saranno considerati "assenti ingiustificati, senza conseguenze disciplinari e con diritto alla conservazione del rapporto di lavoro, fino alla presentazione" del certificato rafforzato. Chi non rispetta il divieto subirà una sanzione amministrativa tra 600 e 1.500 euro. Tutte le imprese potranno sostituire i lavoratori sospesi. La sostituzione è di dieci giorni rinnovabili fino al 31 marzo 2022.

Senza limiti di età, l'obbligo vaccinale è esteso poi al personale universitario dunque equiparato a quello scolastico.

Grandi novità anche nella "vita sociale": per accedere ai servizi sarà necessario il Green Pass base (vale il tampone negativo). Quindi dal 20 gennaio fino al 31 marzo 2022 servirà il Green pass per andare per esempio dal parrucchiere e nei centri estetici. Dal 1° febbraio fino alla fine dello stato di emergenza, è richiesto anche per "pubblici uffici, servizi postali, bancari e finanziari, attività commerciali” come i centri commerciali, “fatte salve quelle necessarie per assicurare il soddisfacimento di esigenze essenziali e primarie della persona”.

Visti i picchi di contagi si invita ove è possibile ricorrere allo smart working. 

Nuove regole anche per la scuola:  alla materna con un caso di positività prevista la sospensione delle attività per 10 giorni; alle elementari con un caso di positività, si attiva la sorveglianza con testing. In presenza di due o più positivi è prevista, per la classe in cui si verificano i casi di positività, la Dad per 10 giorni; alle medie e alle superiori invece, fino a un caso nella stessa classe è prevista l’autosorveglianza con l’uso, in aula, di mascherine FFP2. Con 2 casi prevista la didattica digitale integrata per chi ha concluso il ciclo vaccinale primario da più di 120 giorni, chi è guarito da più di 120 giorni, chi non ha avuto il booster. Per tutti gli altri prevista l'attività in presenza con autosorveglianza e mascherine FFP2 in classe. Con tre casi nella stessa classe è prevista la Dad per 10 giorni. Per gli studenti delle scuole secondarie di primo e secondo grado, soggetti all’autosorveglianza, i tamponi rapidi saranno gratis.

s.zo

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore