/ CRONACA

CRONACA | 29 luglio 2022, 12:29

Usura, estorsione e minacce a un imprenditore: tre arresti

L'indagine della Polizia di Torino con le Questure di Palermo, Catania e Vercelli

Usura, estorsione e minacce a un imprenditore: tre arresti

La Polizia di Stato di Torino, con la collaborazione delle Questure di Palermo, Catania e Vercelli ha emesso tre custodie cautelari in carcere a carico di altrettanti cittadini italiani, gravemente indiziati dei reati di usura ed estorsione aggravate dal vincolo della continuazione, commessi dal 2018 fino al mese di giugno di quest’anno.

L’articolata indagine, condotta dalla Squadra Mobile, ha preso avvio a seguito della raccolta delle dichiarazioni di un imprenditore, il quale ha denunciato di essere vittima di usura ed estorsione di due soggetti, entrambi gravati da plurime condanne per reati contro il patrimonio e in materia di armi.

Sollecitato dai propri familiari a sporgere denuncia, la vittima nel maggio 2018, aveva preso in prestito ingenti somme di denaro a più riprese, ad entrambi gli usurai, per far fronte ai debiti insorti a seguito del fallimento di alcune sue società.

Il capitale così ottenuto, ammontante complessivamente a circa 170mila euro, dava luogo alla pretesa degli usurai di somme mensili pari al 10% del capitale prestato, a mero titolo di interessi. L'uomo vittima dell'estorsione ha così corrisposto, nel tempo, sempre a mero titolo di interessi, una somma pari a circa 650mila euro.

La vittima, a decorrere dal mese di maggio 2022, non essendo più in grado di corrispondere le somme pretese dagli usurai, ha interrotto i pagamenti e ha denunciato i fatti. 

redazione Vercelli

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore