/ COSTUME E SOCIETÀ

COSTUME E SOCIETÀ | 05 dicembre 2023, 09:40

A Borgosesia “Mutazioni”: la mostra fotografica di Roberto Sagliaschi, FOTO

Sabato 2 dicembre 2023, presso il Centro Studi Giovanni Turcotti.

A Borgosesia “Mutazioni”: la mostra fotografica di Roberto Sagliaschi.

A Borgosesia “Mutazioni”: la mostra fotografica di Roberto Sagliaschi.

Sabato 2 dicembre, a Borgosesia, presso il Centro Studi Giovanni Turcotti, è stata presentata la mostra fotografica di Roberto Sagliaschi: “Mutazioni”, che sarà visitabile mercoledì 6 dicembre alle ore 21 e domenica 10 dicembre, alle ore 15.30.

La mostra è nata come omaggio e ringraziamento al fotografo grignaschese che da anni segue i concerti dei Cantores Mundi e di Gaudete! Festival Internazionale di Musica Antica, documentandone l’attività con splendide immagini e diventandone il fotografo ufficiale. Sagliaschi fin da giovanissimo, si è appassionato all’arte fotografica, prediligendo in particolare la fotografia naturalistica. Dopo aver raggiunto la quiescenza si è dedicato allo studio delle tecniche fotografiche, raggiungendo risultati eccellenti. Importante la sua collaborazione con lo scultore Dino Damiani del quale ha curato molti cataloghi.

Il titolo della mostra si ispira alle Metamorfosi di Ovidio: oltre duecentocinquanta miti e leggende incentrati sulla metamorfosi di personaggi in animali o elementi naturali, così Mara Colombo, Direttore Artistico di Gaudete, con Roberto Sagliaschi, ha scelto dal suo immenso archivio fotografico 285 immagini che si susseguono incastrandosi o divergendo, creando un originalissimo arazzo intessuto di animali, fiori, farfalle, paesaggi, musicisti, le Frecce Tricolori e le opere di Dino Damiani, inserite in una presentazione con sottofondo musicale, della durata complessiva di un’ora.

Mara Colombo, commentando la mostra da lei curata con tanta passione e senso dell’armonia, scrive: “Tra l’antico e il contemporaneo, tra le preziosità culturali celate tra i confini della sua terra, la Valsesia, dal Monte Rosa alle risaie, in questo spazio dedicato alla fotografia di Roberto Sagliaschi, si vogliono comporre polifonie per immagini, in cui le analogie, i contrasti tematici, le genealogie, più che uno sviluppo lineare, mettano in evidenza le corrispondenze, gli scambi e i rimandi continui all’interno della narrazione… Gli scatti di Roberto Sagliaschi sono un esempio raro di levità, disinvoltura, trasparenza spirituale, senso del divertimento, dei sensi e dell’intelligenza, fantasia, e soprattutto un gusto raffinato e al tempo stesso quasi incantato di fronte alle grandezze della Natura”.

Al termine della serata Roberto Sagliaschi, molto commosso, è stato sommerso dagli applausi e ha risposto alle numerose domande. Marinella Mazzone, ringraziando per l’intenso godimento provocato dalle immagini, coniugate con la musica, ha offerto a Roberto Sagliaschi un dono musicale… ma la mutazione più importante accaduta a Roberto Sagliaschi, è avvenuta il 16 dicembre 2022, con la nascita del nipotino Mattia.

C.S. Piera Mazzone

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore