/ CRONACA

CRONACA | 29 giugno 2020, 10:39

Varallo, cede soffitto Villa Virginia: sta bene l'impiegata coinvolta

Varallo, cede soffitto Villa Virginia: sta bene l'impiegata coinvolta

Sgomento per l’accaduto e solidarietà all’impiegata coinvolta: questo è quanto esprimono il Presidente di Unione Montana, Pierluigi Prino, e l’Assessore ai Servizi Sociali Francesco Nunziata dopo il distacco di intonaco che nei giorni scorsi ha interessato la copertura dell’ufficio dove lavorano gli impiegati del settore Socio-Assistenziale a Villa Virginia, suggestiva sede dell’Unione Montana dei Comuni della Valsesia, a Varallo Sesia.

«Sul posto sono subito intervenuti i Vigili del Fuoco, che hanno messo in sicurezza l’area interessata dal cedimento – spiega il Presidente Prino – mentre l’impiegata coinvolta è stata trasportata, con l’elisoccorso, in Ospedale per gli accertamenti del caso. Un’altra impiegata, fortunatamente non ferita, è stata assistita sul posto ed ha già potuto fare rientro a casa, non avendo riportato danni fisici ma solo un grande spavento per l’accaduto. Siamo vicini con affetto alla nostra collaboratrice coinvolta, a cui auguriamo di riprendersi quanto prima, e attendiamo che le verifiche in corso ci dicano cosa è successo alla struttura, in modo da poter poi intervenire adeguatamente sull’edificio».

Anche l’Assessore ai Servizi Socio-assistenziali, Francesco Nunziata, si è subito precipitato a Villa Virginia, essendo stati interessati dall’evento proprio gli uffici di sua competenza: «Ho appena ricevuto dall’Ospedale Maggiore di Novara, dove è ricoverata la nostra collaboratrice, ottime notizie: gli esami radiologici e la tac a cui è stata sottoposta hanno dato esito negativo, non ci sono dunque fratture o traumi preoccupanti, probabilmente sarà dimessa a breve – dice l’Assessore – questo ci conforta molto, e ci stringiamo a lei. Dopo il grande spavento subìto – conclude Nunziata - speriamo che quanto prima si possa ripristinare la funzionalità dell’ufficio interessato dal crollo, intanto desidero rassicurare tutta la nostra utenza: l’attività del nostro settore continua, e dunque nessuno dei nostri assistiti risentirà dell’accaduto».

Comunicato stampa g. c.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore