/ ATTUALITÀ

ATTUALITÀ | 09 agosto 2020, 09:06

"Terapia intensiva a Borgosesia: i motivi per attivare i posti letto"

Intervento del presidente della Provincia, Eraldo Botta

"Terapia intensiva a Borgosesia: i motivi per attivare i posti letto"

Riceviamo e pubblichiamo.

"Ho appreso con grande stupore che il sindacato Anaao, il maggiore tra quelli che rappresentano i medici ospedalieri, ha manifestato perplessità rispetto alla prospettiva di attivare posti letto di terapia intensiva all’ospedale Santi Pietro e Paolo di Borgosesia.

Il dubbio rappresentato dalla segretaria regionale del sindacato è se sia giusto o meno creare questi posti letto. 

Io, personalmente, dubbi non ne ho proprio: i posti letto di terapia intensiva all’ospedale di Borgosesia servono eccome.

Se è vero che è impossibile oggi sapere con certezza a cosa andremo incontro tra qualche settimana, è vero anche che senza fare inutile (o utile a qualcuno?) allarmismo, dobbiamo essere prudenti.

In autunno e in inverno potrebbe esserci un aumento di persone contagiate e in quel momento dovremo essere bravi a trattare queste persone in modo adeguato. Per farlo, è necessario che la macchina organizzativa si muova adesso e non all’ultimo momento.

L’ospedale di Borgosesia, durante il periodo più critico, ha fornito un aiuto fondamentale a quello di Vercelli. Ben venga dunque se, nel caso di un’intensificarsi di contagi, questo aiuto possa diventare ancora più strutturato e importante.

Le professionalità ci sono e i macchinari, grazie alla sempre importante generosità dei valsesiani, anche. 

La prima ondata del virus ci ha colti del tutto impreparati e ha evidenziato lacune clamorose nel nostro sistema, colmate solo grazie all’incredibile opera del personale sanitario. Ora abbiamo la possibilità di organizzarci per tempo e farci trovare pronti. Non sprechiamola".

Eraldo Botta, presidente della Provincia

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore