/ COSTUME E SOCIETÀ

COSTUME E SOCIETÀ | 27 luglio 2021, 10:24

"Centro Alzheimer Portula: Pagina bianca operativa, le donazioni sono un valido sostegno

"Centro Alzheimer Portula: Pagina bianca operativa, le donazioni sono un valido sostegno

Nel pomeriggio di lunedì 26 luglio visita al Centro Alzheimer di Portula da parte di una delegazione dell’Avis di Coggiola e del gruppo “Titans Italian Beard Club”, che a giugno avevano donato al Centro una plastificatrice e panche e tavolini per le attività in cortile.

«I rappresentanti delle Associazioni sono stati accolti per una merenda insieme agli ospiti del Centro e ringraziati con un biglietto realizzato dagli stessi anzianispiega Valeria Lentini, psicologa del Centro Alzheimer – abbiamo molto apprezzato il materiale ricevuto; le panche ed i tavolini sono fondamentali soprattutto in questo periodo dell’anno, in cui i nostri ospiti svolgono molte attività all’esterno, con effetti benefici sulla riduzione del dolore e sul livello dell’umore. Utilissima la plastificatrice – aggiunge la dottoressa Lentini – che viene utilizzata per le schede di stimolazione cognitiva, predisposte su misura per gli ospiti: una volta plastificate, possono essere sanificate e riutilizzate più volte».

Procede intanto l’attività del Progetto Pagina Bianca, inaugurato il 5 giugno scorso: «Sono già stati presi in carico due nuovi pazienti a Coggiola – spiega ancora Valeria Lentini – e sono in corso diversi colloqui in altri Comuni: abbiamo molte richieste, che stiamo valutando quotidianamente per attivare i nostri servizi e dare sollievo a pazienti e famiglie sul territorio di nostra competenza».

Soddisfatto dell’operatività dei servizi l’Assessore Francesco Nunziata: «L’attenzione ai bisogni della popolazione e la dedizione del personale dedicato sono gli elementi che caratterizzano i nostri servizi sociali – commenta l’amministratore – e la risposta davvero generosa del territorio, sia dei privati che delle associazioni, è la prova della bontà del lavoro svolto, che peraltro ha già suscitato l’interesse di altri territori, dai quali siamo stati contattati per “esportare” il nostro progetto pilota. Nei prossimi mesi il servizio crescerà ulteriormente – conclude Francesco Nunziata - in linea con l’obiettivo che tutti ci poniamo: dare supporto e sollievo alle fasce più deboli della nostra società».



c.s. Unione Montana - cc

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore