/ Caprile-Ailoche-Postua

Caprile-Ailoche-Postua | 11 settembre 2021, 11:00

Il commiato del Sindaco di Postua Maria Cristina Patrosso

Il commiato del Sindaco di Postua Maria Cristina Patrosso

Il momento del commiato è arrivato.

Ho scelto la parola commiato per questa mia uscita di scena, come Sindaco di Postua, dopo un solo mandato.

Ho scelto la parola “commiato” invece di addio perché esprime un maggior numero di stati d’animo presenti ora nella mia mente e nel mio cuore.

Il concetto di “addio” è definitivo, freddo e non porta con se sentimenti, tutt’al più porta ricordi ad uso personale con la certezza che non occuperanno per troppo tempo spazi cerebrali altrui.

Il commiato trasmette invece sentimenti nobili, che vengono dal cuore, sentimenti di gratitudine intensa, di appagamento del proprio senso del dovere, di profondo amore per la propria terra.

Commiato è più lieve, più dolce, meno traumatico e crudo di un addio.

E’ un misto di melancolia per quello che si lascia e di gioia per quello che si è realizzato e lasciato in eredità a chi continuerà questo cammino.

Ma dovevo lasciare, uscire di scena.

Lo dovevo perché alla mia età e soprattutto in previsione di un possibile altro quinquennio di mandato, le forze fisiche e la mente iniziano a dare cenni di cedimento, non certo il cuore.

Lo dovevo avendo portato a termine il compito che mi ero prefissa, quello di spingere ed educare i giovani ad occuparsi non solo del proprio privato ma anche della collettività di appartenenza, preparandosi a vivere come protagonisti ed a diventare il motore del nostro futuro.

Lo dovevo alla mia famiglia che per cinque anni ha accettato con abnegazione di venire di quando in quando trascurata.

Lascio dopo cinque anni molto intensi, impegnativi, faticosi ma ricchi di soddisfazioni e con l’orgoglio di aver visto crescere Postua in sicurezza, in impegno sociale, nello sviluppo delle attività sportive, ricreative, commerciali e dedicarsi con cura all’infanzia, ai giovani, agli anziani ed alle fasce di cittadini più deboli.

Accomiatandomi voglio ringraziare quanti hanno voluto accogliermi e supportarmi nello svolgersi delle mie attività.

In particolare un ringraziamento sentito devo rivolgere alle Autorità rappresentanti le nostre Istituzioni che nei confronti delle mie attività di Sindaco hanno sempre avuto un particolare riguardo.

Ringrazio di cuore i Presidenti della Regione Piemonte Chiamparino e Cirio, i Presidenti della Provincia di Vercelli Riva Vercellotti e Botta.

Un mio ringraziamento particolare va a tutti i Sindaci della Provincia di Vercelli, della Valsesia e della Valsessera di cui mi onoro d’essere stata collega.

Ho lasciato nell’ultimo posto dei ringraziamenti Postua e tutti i miei concittadini postuesi.

Ho sempre cercato di dar loro ed alla mia terra il meglio che ho potuto con la volontà di non voler governare col potere derivatomi dalla carica ma con la volontà di servire con tutte le mie risorse alle necessità della nostra gente.

Ho molto dato e molto mi è stato dato di ritorno da tutti voi.

Con voi sono cresciuta e questo resterà impresso per sempre nella mia mente ma soprattutto nel mio cuore.

Vi voglio bene.

Maria Cristina Patrosso

Maria Cristina Patrosso

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore