/ ATTUALITÀ

ATTUALITÀ | 25 novembre 2021, 14:46

Regione, arriva l'App di Arpa Piemonte che ti aggiorna in tempo reale sul rischio meteo-idrologico in corso nei comuni

Regione, arriva l'App di Arpa Piemonte che ti aggiorna in tempo reale sul rischio meteo-idrologico in corso nei comuni

Regione, arriva l'App di Arpa Piemonte che ti aggiorna in tempo reale sul rischio meteo-idrologico in corso nei comuni

Quando i livelli di pioggia o dei corsi d'acqua raggiungono le soglie di guardia o di pericolo potrai essere avvisato tramite una notifica. L'avviso serve a mettere in atto comportamenti di auto-protezione per salvaguardare te stesso e chi ti sta accanto.

L'assessore alla Protezione Civile della Regione Piemonte Marco Gabusi: "La consapevolezza del rischio da parte di tutti è uno strumento potentissimo di contenimento dei danni in caso di maltempo. L’app #allertameteoPIE va proprio in questa direzione; più conosciamo in anticipo i rischi a cui è soggetto il nostro territorio e meglio possiamo prepararci e, quando arriva l’emergenza, possiamo certamente aiutare i soccorsi adottando comportamenti corretti. Il raggiungimento di un quadro conoscitivo comune condiviso delle buone pratiche e dei rischi porterà sicuramente un vantaggio globale nella gestione delle emergenze. Grazie alla consapevolezza e alla conoscenza i cittadini possono diventare i primi operatori di protezione civile e aiutare enormemente la macchina dei soccorsi in occasione di eventi avversi".

“Dopo la app Livestorm, un altro strumento efficace che Regione Piemonte ed Arpa mettono gratuitamente a disposizione di tutti i cittadini piemontesi per poter essere allertati nel caso in cui si manifestassero, a seguito di violente precipitazioni, eventi particolarmente gravi. Purtroppo, il cambiamento climatico in atto ci ha abituato a fenomeni tanto inattesi quanto violenti, che spesso infliggono ferite profonde al territorio mettendo a repentaglio anche l’incolumità delle persone” sottolinea Matteo Marnati, assessore all'ambiente della Regione Piemonte. "Lo scorso ottobre in poco più di 48 ore al confine tra Piemonte e Liguria sono caduti circa 1000 millimetri di pioggia, ovvero la quantità di acqua che cade mediamente in un anno nella Regione, causando esondazioni, dissesti e frane. E questo è solo l'ultimo episodio estremo che ha colpito il nostro territorio dimostrando che gli eventi naturali, a causa dei cambiamenti climatici, sono sempre più impulsivi, rapidi e intensi - spiega il direttore generale di Arpa Piemonte Angelo Robotto -  Per aiutare i cittadini ad affrontare queste difficili situazioni ed aumentare la consapevolezza del pericolo, Arpa Piemonte, prima in Italia, ha sviluppato la app #allertameteoPIE. Uno strumento tempestivo, che tutti possono avere, disponibile gratuitamente per la protezione individuale. L’app, oltre a mostrare il livello di allerta, invia avvisi automatici per precipitazioni e piene improvvise".

Dopo aver selezionato uno o più comuni (fino a 5) si accede alla pagina principale dove, oltre ai comuni scelti, sono visibili tre mappe: i dati di precipitazione stimati dal Radar meteorologico con l’animazione delle immagini dell’ultima ora; il pericolo attuale a livello comunale derivante dai dati di monitoraggio in tempo reale le allerte emesse sui comuni piemontesi e sulle regioni del nord Italia in base all'intensità dei fenomeni previsti A partire dalla mappa dei pericoli in tempo reale si può selezionare un comune e visualizzare le stazioni di rilevamento più vicine al comune selezionato. Quando ricevi la notifica per un superamento nel comune selezionato, accedendo alla app, visualizzerai direttamente il grafico con il superamento e ci sarà un link con i comportamenti di auto-protezione da seguire.

L'app è al momento disponibile esclusivamente per Android, ma a breve sarà disponibile anche per dispositivi IOS. L'App #allertametePIE è stata realizzata con l'ausilio del Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR) e di risorse nazionali nell'ambito del progetto Interreg V-A Italia-Svizzera GESTISCO.

Comunicato stampa g. c.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore