/ CRONACA

CRONACA | 15 maggio 2022, 11:04

Alta tensione in carcere a Torino

Alta tensione in carcere a Torino

“Ieri, presso la Casa Circondariale di Torino, verso le 14,50, un detenuto psichiatrico ha  aggredito l'agente in  servizio presso la sezione filtro”, denuncia Vicente Santilli, segretario regionale SAPPE per il Piemonte. “Il poliziotto aveva invitato il detenuto a rientrare nella propria cella ma, quest'ultimo, senza giustificato motivo, gli ha sferrato  un pugno al volto, per poi riversare la sua rabbia verbale contro gli Agenti. Immediatamente interveniva un altro Agente, che riusciva a contenere il ristretto.

 

Il collega ferito è stato accompagnato in infermeria e subito dopo trasportato presso il nosocomio cittadino. Il SAPPE esprime solidarietà al poliziotto penitenziario contuso e, nel denunciare ancora una volta le criticità della Casa Circondariale di Torino,  correlate anche alla significativa carenza di organico, sollecita un intervento del DAP e del Governo”.

 

Donato CAPECE, segretario generale del SAPPE, sollecita Ministro e Capo DAP a intervenire,: “Quella nel carcere di Torino  è l’ennesima grave e intollerabile aggressione da parte di un detenuto ai danni di un poliziotto penitenziario, al quale va la nostra solidarietà. La situazione nelle nostre carceri resta allarmante, nonostante si sprechino dichiarazioni tranquillizzanti sul superamento dell’emergenza penitenziaria: la realtà è che i nostri poliziotti continuano ad essere aggrediti senza alcun motivo o ragione.

 

E del carcere non frega niente a nessuno, a parte i soliti noti che con la scusa di difendere i diritti dei detenuti (ma non dei poliziotti che ci lavorano!) sperano in un tornaconto personale ed elettorale. La realtà è che è solamente grazie ai poliziotti penitenziari, eroi silenziosi del quotidiano a cui va il ringraziamento del SAPPE per quello che fanno ogni giorno, se il numero delle tragedie in carcere è fortunatamente contenuto. Ma è evidente a tutti che è necessario intervenire con urgenza per fronteggiare le costanti criticità penitenziari, a cominciare dal ripianamento delle carenze organiche dei Reparti di Polizia Penitenziaria del Piemonte”. 

c.s. SAPPE

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore