/ ATTUALITÀ

ATTUALITÀ | 03 giugno 2020, 08:35

Borgosesia riprogetta le feste estive: "Non lasceremo la città senza manifestazioni"

Da “San Peru al Borg” alla Festa dello Sport: si studiano modalità nuove per creare appuntamenti coinvolgenti e sicuri.

Borgosesia riprogetta le feste estive: "Non lasceremo la città senza manifestazioni"

Sono tanti i borgosesiani che, in questi giorni, si rivolgono all’assessore alle Manifestazioni Paolo Urban, per chiedere se a causa del Coronavirus saranno cancellate tutte le belle manifestazioni che negli anni scorsi hanno animato il centro città, o se ancora ci sia qualche speranza di poter fare festa.

«Quando i miei concittadini mi pongono questa domanda – dice Paolo Urban – mi fa piacere perché vuol dire che tengono agli appuntamenti a cui li abbiamo abituati, ma nello stesso tempo il mio ruolo di amministratore pubblico mi impone di avere come primo obiettivo quello della salute pubblica: quest’anno dobbiamo osservare, per il bene di tutti, le regole di distanziamento sociale e l’uso dei dispositivi. Detto questo – annuncia l’assessore – non abbiamo certo intenzione di lasciare il vuoto laddove in passato c’era festa!».

Quest’affermazione di Paolo Urban si riferisce in particolare alla Festa Patronale del 29 giugno: «Dopo l’ edizione del 2019, andata molto bene, avevamo in mente grandi cose per quest’anno, ma la pandemia non ci consente di mettere in pratica i nostri propositi – dice – ciononostante, la festa dei Santi Pietro e Paolo non passerà in sordina: abbiamo in mente un evento mediatico che coinvolgerà social media e radio, con personaggi famosi e la possibilità per i nostri concittadini di interagire da casa loro, in modalità live. Insomma, una grande e bella festa, di cui stiamo studiando gli ultimi dettagli per svelarvi tutto entro metà giugno, in modo che si sia preparati adeguatamente per festeggiare, non solo tra di noi, ma insieme a tutta Italia».

Non svela di più in merito alla Festa Patronale, ma invece fa qualche riferimento agli altri eventi a cui la città era abituata: «Certo le normative sono chiare e non possiamo immaginare di creare grandi momenti di aggregazione nelle nostre piazze  – continua l’amministratore – ma non vogliamo neanche lasciar cadere nel vuoto appuntamenti che abbiamo creato con grande entusiasmo, e con la collaborazione delle associazioni cittadine, come per esempio la Festa dello Sport. Troveremo altre modalità, inventeremo qualcosa, ma riusciremo a proporre ai nostri concittadini eventi che creino attrattiva e divertimento, nel pieno rispetto della tutela della salute e con la consapevolezza che ora ciò che conta è che tutti stiano bene per poter, in futuro, tornare alle  nostre abitudini: quando tutto sarà finito, allora sì potremo fare feste, e saranno ancor più belle che in passato».

Della stessa opinione anche il sindaco Paolo Tiramani, che collabora attivamente con Urban nell’individuazione di nuove modalità per mantenere vivo il cartellone eventi della sua città: «Faremo qualcosa di bello, insieme ad amici che ci vogliono bene  – dice il sindaco –  con loro potremo festeggiare e far conoscere Borgosesia a tutta Italia, vivendo una Festa Patronale particolare e molto divertente. Vi garantisco – conclude Paolo Tiramani -  che “San Peru al Borg” non passerà sotto silenzio!”. 

Dalla redazione di Vercelli - g. c.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore