/ CRONACA

CRONACA | 10 settembre 2022, 21:33

Per il Soccorso Alpino e Speleologico Piemontese è stata una giornata impegnativa con 15 interventi effettuati nelle montagne della regione

Per il Soccorso Alpino e Speleologico Piemontese è stata una giornata impegnativa con 15 interventi effettuati nelle montagne della regione

Val Sesia (Vc)

Tra i più significativi il recupero di un ferratista bloccato sulla Ferrata della Falconera, comune di Varallo Sesia (Vc). Sul posto sono state inviate due squadre, una da valle e una da monte, che lo hanno raggiunto e calato con manovre alpinistiche fino alla base del sentiero attrezzato e poi accompagnato a piedi a valle.

Nel corso della giornata sono stati lanciati altri due allarmi dal territorio di Alagna Valsesia. Il primo da un escursionista bloccato alla Capanna Gugliermina da un dolore atraumatico a un arto inferiore. A causa di condizioni meteo negative, una squadra mista del Soccorso Alpino e Speleologico Piemontese e del Soccorso Alpino della Guardia di Finanza è stata elitrasportata 400 metri di dislivello a valle del bivacco e ha raggiunto l'infortunato a piedi. Purtroppo non è stato possibile evacuarlo né via terra, né via cielo, per cui l'intera comitiva trascorrerà la notte nella Capanna in attesa di condizioni migliori, presumibilmente domani. Una situazione analoga alla Capanna Resegotti da cui ha chiamato un gruppo di 4 escursionisti affermando di non essere in grado di scendere a valle. Sono illesi e attrezzati per trascorrere la notte nel bivacco, per cui è stato consigliato loro di attendere un miglioramento delle condizioni meteo per un recupero tramite elicottero presumibilmente domani mattina.

Val Chisone (To)

La prima chiamata è giunta intorno alle 12.30 per un cercatore di funghi con una sospetta frattura a una caviglia nella zona della Costa di Sea, comune di San Germano Chisone. Sul posto è stata mandata una squadra a terra che ha individuato l'infortunato e lo ha stabilizzato e imbarellato. In seguito è stato trasportato con manovre alpinistiche al di fuori di una zona impervia dove è stato possibile l'imbarco sull'eliambulanza del Servizio Regionale di Elisoccorso.

Il secondo intervento per un alpinista sulla Punta Cristalliera, comune di Roure, con un malore. Sul posto era presente un tecnico del Soccorso Alpino in attività individuale che lo ha raggiunto prestandogli le prime cure e in seguito ha collaborato con l'equipe del Servizio Regionale di Elisoccorso per il recupero a bordo del paziente.

c.s. CNSAS

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore