/ EVENTI

EVENTI | 13 settembre 2021, 10:34

Plaisirs de culture 2021 Heritage all inclusive, Cultura (e Culture) per tutti!

Plaisirs de Culture inizierà con un evento inaugurale insolito e particolare: venerdì 17 settembre, a partire dalle ore 18.30 in piazza Roncas ad Aosta, protagonisti saranno gli intrecci: di voci, di musiche e di culture. Elementi tra loro diversi ma armonicamente connessi in un’unica trama visualizzata negli innumerevoli fili di un prezioso tessuto.

Plaisirs de culture 2021 Heritage all inclusive

Plaisirs de culture 2021 Heritage all inclusive

Quella del 2021 sarà la nona edizione di Plaisirs de Culture, la rassegna di iniziative culturali che la Valle d’Aosta propone come adesione alle Giornate europee del patrimonio declinandole, però, in chiave regionale.

Come è ormai consuetudine, anche quest’anno l’iniziativa si svolgerà dal 18 al 26 settembre con uno speciale evento inaugurale nella serata di venerdì 17.

Come noto, ogni anno l’Unione europea individua un tema portante che deve connotare, pur con diverse sfumature, le altrettante attività culturali proposte al pubblico.

Il tema del 2021 è Heritage all inclusive – Patrimonio!, scelto per sottolineare l’aspetto dell’inclusione e della diversità nell’approccio e nell’esperienza del patrimonio culturale.

Negli anni Plaisirs de Culture ha visto rafforzarsi sempre di più l’apprezzamento del pubblico, vasto e diversificato, così come la partecipazione e il coinvolgimento di enti e istituzioni. La forza di questa importate rassegna è quella di avvicinare le persone al proprio patrimonio e al territorio potenziando il senso di identità e appartenenza.

Quest’anno, in più, l’obiettivo è di riuscire ad includere nell’esperienza culturale quelle fasce di utenti che, per le ragioni più diverse, non si avvicinano o frequentano poco i luoghi della cultura regionali.
Proprio in virtù di tale importante obiettivo, considerandone oltretutto la portata sociale, l’edizione 2021 vedrà una ancor maggiore presenza dei Comuni valdostani unitamente all’organizzazione di attività utili a coinvolgere, in particolare, specifiche fasce sociali come, ad esempio, persone fragili, con disabilità, o minoranze etnico-culturali.

La sfida è, appunto, quella di aiutare tali potenziali utenti a superare le diverse barriere che, più o meno consapevolmente, si frappongono tra loro e l’offerta culturale del territorio all’insegna dell’accessibilità e dell’accoglienza.

Sarà quindi un Plaisirs de Culture per tutti, sviluppato in modo da facilitare e agevolare l’avvicinamento alle numerose forme di “piacere culturale” che il nostro ricco e variegato patrimonio può offrire. Per fare questo si riveleranno fondamentali le collaborazioni e le sinergie con gli enti e le associazioni attive sul territorio e, in modo specifico, nell’ambito del terzo settore.

Plaisirs de Culture inizierà, infatti, con un evento inaugurale insolito e particolare: venerdì 17 settembre, a partire dalle ore 18.30 in piazza Roncas ad Aosta, protagonisti saranno gli intrecci: di voci, di musiche e di culture. Elementi tra loro diversi ma armonicamente connessi in un’unica trama visualizzata negli innumerevoli fili di un prezioso tessuto.

In tale ottica è stato coinvolto l’Assessorato regionale alla Sanità e Politiche sociali che partecipa a Plaisirs de Culture col progetto Luoghi comuni, ideato e sviluppato in sinergia con la Soprintendenza Beni e Attività Culturali in allineamento al progetto FAMI IMPACT “Vivere in Valle d'Aosta”, il Fondo Asilo Migrazione Integrazione, il cui obiettivo è proprio quello di qualificare i percorsi di integrazione dei cittadini stranieri.

Luoghi comuni vede la realizzazione della video-performance “Elementarmente umano” girata nei sotterranei del Museo Archeologico Regionale dal regista Alessandro Stevanon e di visite guidate all’Area megalitica e al Castello Gamba condotte da facilitatori madrelingua in collaborazione con le associazioni di migranti; protagonisti in particolare i ragazzi di seconda generazione alla ricerca dell’essere umano, di loro stessi e dell’identità attraverso le testimonianze culturali.

La cultura è bella ed è per tutti! E tutti possono trarne soddisfazione e appagamento, ognuno col suo personale bagaglio identitario, con la sua sensibilità e visione.

La cultura, a seconda dei sempre diversi orizzonti cronologici e geografici, si è costantemente modellata e ridisegnata a seconda dei contesti, delle situazioni e degli uomini pur mantenendo, di fondo, alcune caratteristiche capaci, al di là del tempo e del luogo, di colpire l’animo e la fantasia. Alcuni linguaggi, poi, sono trasversali, universali, eterni.

Ecco, quest’anno Plaisirs de Culture si propone questo: di fornire a tutti le occasioni e gli strumenti per scoprire o ritrovare, per apprendere o approfondire, le tante e differenti facce della Cultura che ci circonda.

Come tutti quei fili, quegli intrecci, e quei colori che, sebbene differenti, alla fine, compongono un unico prezioso tessuto.

Il programma dettagliato della rassegna è scaricabile al link: www.regione.vda.it/plaisirs2021

c.s. Regione VDA - cc

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore