/ Enogastronomia

Enogastronomia | 06 dicembre 2023, 17:14

Coggiola (Biella), pasticceria Piantanida: artigianalità passione e piacere

Tanti prodotti per festeggiare un Natale in famiglia con ricette dedicate anche ai celiaci, dal panettone zebrato alla polenta imprigionata

Coggiola (Biella), pasticceria Piantanida: artigianalità passione e piacere

Coggiola (Biella), pasticceria Piantanida: artigianalità passione e piacere

I dolci, la tradizione, il Natale, una ricorrenza che avvicina le persone, le famiglie e porta a vivere esperienze di convivialità a tavola grazie anche a prodotti dolciari della tradizione. Il panificio pasticceria Piantanida di Coggiola in provincia di Biella, vicino alla valle del Monte Rosa, grazie alla sua grande passione e  artigianalità, ha dato vita ad una linea di prodotti dolciari totalmente artigianali, frutto della propria inventiva ed esperienza.

Conscio delle esigenze del terzo millennio dove sono sempre di più le persone intolleranti al glutine, Luca ha però impostato la sua linea anche con un occhio di riguardo alla salute: "Da quando sono nate le mie bambine ho pensato che la mia missione non fosse però solo produrre dei prodotti buoni - Luca Piantanida è registrato tra le aziende dell'Eccellenza artigiana della Regione Piemonte - , ma quella di guardare anche alla salute. Ed è per questo motivo che ha messo sul mercato anche prodotti gluten - free".

Luca Piantanida ha dunque creato una linea completa fatta di ricette proprie, alla spasmodica ricerca della genuinità, che si basa sull’utilizzo di farine come quella di mais, di riso, di sorgo, di quinoa, di amaranto, di fonio, e soprattutto sull’impiego di frutta secca (mandorle, nocciole, pistacchi) accuratamente selezionata e macinata direttamente in laboratorio. Nella produzione di dolci, inoltre, non vengono usati addensanti, additivi, fibre e conservanti con l’utilizzo di burro senza lattosio.  Una scelta, questa, che permette di produrre con una base di appena cinque o sei ingredienti, eliminando quasi del tutto gli amidi, che sono uno zucchero aggiunto e conseguenza di un picco glicemico elevato.

Nella produzione del pane, dove è necessaria la lievitazione, gli amidi sono sì presenti ma in forma notevolmente ridotta (in un rapporto del 40% rispetto alle polveri).

Il laboratorio dedicato al senza glutine è stato aperto nel 2021 dopo una serie di corsi con la Regione Piemonte, AIC Piemonte e Asl Vercelli. E i macchinari utilizzati per la produzione sono in un ambiente separato per evitare ogni genere di contaminazione.

“L’idea è nata guardando le etichette dei biscotti che compravamo per le nostre figlie piccole, prodotti che contengono fino a 20 ingredienti diversi e nei quali gli amidi occupano uno spazio importante – dichiara Luca Piantanida – . Da qui è nata la sfida di voler offrire ai nostri clienti e a tutte le persone con allergie ed intolleranze, un prodotto il più naturale e meno sofisticato possibile. Abbiamo quindi messo a disposizione tutta la nostra esperienza per proporre prodotti, dolci e salati, che rispettano la tradizione, garantiscono il benessere e mantengono inalterato il sapore”.

Luca Piantanida è stato tra i fondatori del Gruppo Nazionale Giovani Panificatori della Federazione Italiana Panificatori (FIPPA) e recentemente ha ricevuto il premio Massimo Alberini 2023 dell’Accademia Italiana della Cucina per l’eccellente produzione di panetteria e pasticceria.

Panificio Pasticceria Piantanida 
è a Coggiola, in via Libertà 8
Tel. 0157639890

https://www.panificiopiantanida.it/

Leggi anche Panificio Piantanida: Il senza glutine sano e genuino che unisce tradizione e innovazione

informazione pubblicitaria

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore